ULTIMI POST
 

 

Led Zeppelin IV – Led Zeppelin

 
Led Zeppelin IV
Led Zeppelin IV
Led Zeppelin IV

 
Overview
 

Argomenti:
 
Valutazione
 
 
 
 
 


User Rating
no ratings yet

 


Antemprima

(Atlantic Records – 1971) In realtà privo di titolo, il quarto album dei Led Zeppelin è uno dei dischi di maggior successo della storia della musica. L’innovazione delle influenze rockabilly, blues e folk nel panorama rock dell’epoca, apportata dalla band britannica, viene sintetizzata in questo disco che rappresenta proprio un compendio del percorso musicale del […]

0
Posted 31 luglio 2015 by

 
Full Article
 
 

(Atlantic Records – 1971)
In realtà privo di titolo, il quarto album dei Led Zeppelin è uno dei dischi di maggior successo della storia della musica. L’innovazione delle influenze rockabilly, blues e folk nel panorama rock dell’epoca, apportata dalla band britannica, viene sintetizzata in questo disco che rappresenta proprio un compendio del percorso musicale del gruppo. Considerata la decisione di non dare un nome all’album, l’etichetta discografica Atlantic Records chiese a ciascun membro della band di scegliere almeno un simbolo che li rappresentasse. Comparvero così sulla quarta di copertina due sigilli e due rune che hanno da lì in poi rappresentato simbolicamente i Led Zeppelin. Page e Plant, chitarra e voce del gruppo, disegnarono essi stessi i simboli scelti, e mentre il primo ricordava la sigla ZoSo, presa dall’alfabeto magico di Cardano, l’altro rappresentava una piuma chiusa in un cerchio. Per gli altri due simboli invece, Jones e Bonham trassero ispirazione da un libro di rune di Rudolf Koch. Un’aura di misticismo si avvolse quindi intorno al gruppo, che aveva invece deciso di rinunciare a nomi e titoli per mostrare il proprio disinteresse verso ogni genere di etichetta, e puntare l’attenzione unicamente sulla musica. L’album si apre con Black Dog che fu anche il primo singolo lanciato, e che, a dispetto del titolo riferito ad un labrador che vagava intorno ai loro studi durante le registrazioni, parla del desiderio e dell’amore per una donna e presenta un arrangiamento complesso. Segue Rock and Roll, composta da tutti i membri della band durante una jam session con Ian Stewart, che precede la ballata fantasy The Battle Of Evermore. Con i suoi 8 minuti di durata, è la volta della celebre Stairway To Heaven che, pur non essendo stata lanciata come singolo, è diventata una pietra miliare della scena rock di tutti i tempi. Si apre con una progressione di accordi, dà molto spazio agli assoli di Page e, sebbene il significato del testo possa essere interpretato in diversi modi, Plant, che lo ha scritto, ha dichiarato di essersi ispirato alla letteratura fantastica celtica, in cerca di una perfezione spirituale. Il pezzo è stato anche accusato di satanismo a causa di un verso che ascoltato al contrario pare contenga un inno demoniaco, teoria sempre smentita dalla band che ha affermato di avere tutt’altre intenzioni nel fare musica. L’album termina poi con When The Levee Breaks ispirata al blues Menphis Minnie.
Disco denso di simbologie, di storia, ma soprattutto ricco di contenuti e complesse composizioni frutto non a caso di uno dei rari gruppi, insieme ai Beatles, ad aver ottenuto quattro dischi di diamante.


admin

 


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response

(required)