ULTIMI POST
 

 

The Number Of The Beast – Iron Maiden

 
The Number Of The Beast - Iron Maiden
The Number Of The Beast - Iron Maiden
The Number Of The Beast - Iron Maiden

 
Overview
 

Argomenti:
 
Valutazione
 
 
 
 
 


User Rating
no ratings yet

 


Antemprima

(EMI – 1982) Un grande classico del genere heavy metal è sicuramente l’album The Number Of The Beast, pubblicato nel marzo del 1982. Un disco che porta gli Iron Maiden alla consacrazione mondiale, e che segna per loro una vera svolta. Dal suono più sporco che aveva caratterizzato i primi due album, si passa a […]

0
Posted 9 luglio 2015 by

 
Full Article
 
 

(EMI – 1982)
Un grande classico del genere heavy metal è sicuramente l’album The Number Of The Beast, pubblicato nel marzo del 1982. Un disco che porta gli Iron Maiden alla consacrazione mondiale, e che segna per loro una vera svolta. Dal suono più sporco che aveva caratterizzato i primi due album, si passa a sonorità più heavy che valorizzano degnamente ogni singolo membro della band. Il cambiamento si deve anche all’arrivo di Bruce Dickinson che sostituisce alla voce Paul Di’Anno. I pezzi vengono costruiti proprio intorno alla voce del nuovo arrivato che raggiunge vette sonore decisamente più elevate, qualità che viene sfruttata per la composizione di brani più complessi e di forte impatto. Sebbene vi siano pareri discordanti tra i fan della band che sostengono che i primi due album rappresentino i veri Maiden, è questo il disco della conferma, l’album che porta il gruppo britannico a scalare la vetta della classifica inglese e a farsi notare anche negli Stati Uniti, il disco con cu creano il sound che li ha poi distinti nel corso della loro carriera.
Contiene quelli che sarebbero diventati i grandi classici della band, quali Run To The Hills, che viene immancabilmente suonata in tutti i concerti, Hallowed By Thy Name che narra le ultime ore di un condannato a morte, e la title track The Number Of The Beast. Quest’ultima, insieme alla copertina sia del singolo che dell’album, è stata accusata di satanismo. Attacco che i Maiden hanno respinto spiegando che l’idea del testo è ispirata ad un poema di Robert Burns e ad un incubo fatto da Steve Harris, autore del pezzo e bassista del gruppo.
Un album che non può mancare nella collezione di un buon metallaro!


admin

 


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response

(required)